andergr@und.it      Home Magazine Paddock Gara di Melbourne - Australia 2012

Gara di Melbourne - Australia 2012

E-mail Stampa PDF

alt

Button domina il Gp australiano sin dalla prima curva.

Lo stato di forma messo in mostra dalle McLaren nelle qualifiche viene confermato in gara, ma ad approfittarne Button e non il poleman Hamilton: Jenson scatta bene, piglia il comando fin dalla prima curva e lo lascia solo per un attimoin occasione dei pit-stop, concludendo da vincitore incontrastato. Mentre Hamilton finisce nella morsa delle Red Bull, terzo dietro a Vettel e davanti a Webber.

Con le vetture ravvicinate dall'ingresso della safety-car al 37 giro, e seppure non favorito da questa,Alonso sfrutta ottimamente tutte le occasioni e termina 5 (dalla dodicesima posizione in griglia) tenendo a bada un Maldonado sulla rediviva Williams che per va a sbattere proprio all'ultimo giro. Mentre le Mercedes si sono dimostrate competitive, ma anche esigenti sulle gomme e vittime di problemi al cambio per Schumacher, con Rosberg invece penalizzato da un contatto sul finire con Perez, unico ad aver finito la gara (8 dietro a Kobayashi eadun ottimo Raikkonen)con un solo cambio gomme.


La cronaca della gara

Ci si aspetta fin dal via la lotta fra Hamilton e Button, con l'incognita di Grosjean, ma il secondo sullo schieramento parte benissimo e prende il comando subito alla prima curva, andando anche ad allungare, mentre il francese perde qualche posizione (6) a favore di Schumacher, Rosberg (partito molto bene) e Vettel. Seguono Maldonado e Alonso. La prima curva non viene passata da tutti in modo indolore: in particolare Ricciardo solleva Senna in testacoda, come pure subiscono danni anche Perez e Hulkenberg, quest'ultimo costretto a fermarsi poco pi avanti. Anche Webber prende qualche colpo, ma senza conseguenze.
Al primo giro Vettel riesce a passare Rosberg, mentre al secondo giro Maldonado supera Grosjean toccandogli per la gomma anteriore destra, che finisce divelta: per il pilota Lotus l'inevitabile ritiro. Alonso riesce a superare Maldonado e alcuni giri dopo anche Massa lo fa, approfittando di un errore del pilota Williams. Al sesto giro anche Vettel fa un errore, permettendo a Rosberg di attaccarlo ma non di superarlo. Altri due giri e Maldonado riesce a ripassare Massa.
All'undicesimo giro invece Schumacher, terzo, ad allargare permettendo a Vettel di scavalcarlo: in realt il pilota Mercedes ha problemi al cambio e sar costretto a fermarsi poco dopo, terzo dei ritirati. Quando iniziato il 12 giro, Massa effettua il pit-stop ormai in crisi con le gomme posteriori. Il giro dopo tocca a Rosberg (anche la Mercedes sembra essere un po' troppo aggressiva sui pneumatici), un altro ancora e cambiano gomme pure Alonso (che monta le medie) e Kobayashi. Mentre Button e Vettel aspetteranno il 17 giro per l'operazione, Hamilton il 18 montando anche lui delle medie (tutti gli altri su soft).
Raikkonen e Perez insistono con le stesse gomme e si inseriscono fra Button (sempre al comando) e Hamilton, seguito da Vergne, Vettel, Alonso, Webber e Rosberg. Il pilota della Toro Rosso per in difficolt con il grip e viene via via superato. Quando al 20 giro anche Raikkonen fa il suo pit-stop, Perez resta in pista ma rallenta un po' Hamilton, permettendo a Vettel di avvicinarsi. I due lo superano al giro successivo, mentre Alonso e Rosberg lo passano al 23 giro. Perez sostituir le gomme al 29 giro e quindi diventa evidente che punta a una sola sosta per tutto il GP.
Altro cambio gomme per Massa e poi per Rosberg, che entra ai box dopo aver subto un attacco da Webber che lo porta a tagliare una curva. C' lotta per il sesto posto fra Rosberg, Webber e Maldonado, con Raikkonen subito dietro e autore di una gara senza sbavature.
Al 36 giro c' il pit-stop anche per entrambe le McLaren, che montano le medie, una sosta che risulta intempestiva perch Petrov parcheggia la suaCaterham sul rettilineo (problemi di sterzo, dichiarano)e causa l'ingresso della safety-car. Ne approfittano Vettel, Webber, Maldonado e Raikkonen per il cambio gomme (e anche Massa) e cos si arriva al restart al 42 giro con quest'ordine: Button, Vettel, Hamilton, Webber, Alonso, Maldonado, Perez (unico con una sola sosta) e Rosberg.
Button allunga sulla coppia Vettel-Hamilton, mentre al 48 giro Ricciardo attacca Massa e Senna cerca di approfittarne, ma Ferrari e Williams vengono a contatto finendo larghi entrambi. Le vetture sono danneggiate, ma mentre a Senna basta un pit-stop per risolvere il problema di una gomma bucata, Massa deve ritirarsi con un danno pi serio alla sospensione.
Button ha un vantaggio di circa 3 secondi su Vettel, Hamilton e Webber ravvicinati, mentre Alonso un po' pi staccato e controlla Maldonado. Dietro di loro Perez settimo guida un gruppo anch'esso ravvicinato di pilotifino a Di Resta 13. Dunque la situazione ancora aperta mentre si avvicina il traguardo.
Rosberg incalza Perez e nell'attacco danneggia la sua monoposto, mentre Raikkonen attacca Kobayashi, quando si arriva all'ultimo giro. Nel quale Maldonado in scia ad Alonso perde la macchina e va a sbattere piuttosto duramente. Cos mentre Button taglia il traguardo da vincitore per la terza volta, lo seguono Vettel, Hamilton e Webber con Alonso quinto (posto quasi insperato dalla dodicesima posizione in partenza). Seguono Kobayashi, Raikkonen, Perez, Ricciardo (che all'ultimo giro supera Vergne e poi Di Resta sul traguardo) e appunto Di Resta e Vergne, con Rosberg che finisce 12 quasi a passo d'uomo.

Fonte: Autosprint

 

Login





Menu utente

Arretrati

Collabora con noi!

Statistiche

 Statistiche gratis