andergr@und.it      Home Magazine Paddock Indycar da tragedia!

Indycar da tragedia!

E-mail Stampa PDF

 

Wheldon perde la vita

Domenica scorsa la Indycar faceva tappa a Las Vegas in Nevada per lultima gara del campionato 2011.
Purtroppo finito nei pi tragici dei modi, infatti a causa di una collisione tra due macchine nelle prima file, si sono scontrate altre 13 vetture, le quali cercavano di sfuggire allimpatto con quelle davanti, ma essendo ad appena 10 giri dallinizio della gara, erano ancora tutto in fila indiana ed ecco che successo un enorme incidente di gruppo. Tra queste vetture incidentate cera quella del 33enne pilota inglese Dan Wheldon.
La sequenza incominciata, diciamo, nella normalit in queste gare, ovvero al 10 giro, alla curva 1, mentre il gruppone marciava compatto a oltre 300 km/h, Cunningham ha sfiorato il retrotreno della monoposto che lo precedeva, probabilmente a causa del disturbo aerodinamico la sua vettura si intraversata, Hinchcliffe che lo seguiva lo ha centrato sulla fiancata ed decollato.
Fino a questo punto sembrava un normale incidente di gara molto comune nella Indycar ed invece dietro di loro scoppiato il caos, dove Wheldon non riuscito a evitare la carambola davanti a lui: ha centrato la vettura di Kimball ed a sua volta come un missile decollato, sbattendo violentemente contro le reti di protezione e rimbalzando in pista avvolto dalle fiamme a vettura capovolta.

La corsa in ospedale, dove stato subito trasportato, si rivelata del tutto inutile, in quanto, come lesito dellautopsia eseguita sul corpo di Dan Wheldon ha rivelato, a provocare la morte del 33enne pilota inglese stato un forte trauma alla testa.

Wheldon aveva vinto due volte la 500 miglia di Indianapolis, nel maggio scorso e nel 2005, nel quale anno aveva vinto anche il titolo IRL IndyCar, facendo registrare il record di 6 vittorie in una stagione. Dopo lincidente, ci son stai molte dichiarazioni dei piloti suoi colleghi ed amici come Paul Tracy, che uno dei piloti pi esperti e conosciuti della Indycar. Lincidente di Dan lo ha sconvolto e ha cos affermato agli intervistatori dOltreoceano:

Io ho avuto una lunga carriera nella Indycar - ha raccontato il canadese - Ma ieri sera mia moglie mi ha detto che bisogno abbiamo, dopo aver vinto abbastanza denaro, di continuare a farlo. Dopo aver visto uno dei tuoi amici morire, che cosa puoi rispondere? una domanda che faccio a me stesso. Spero soltanto che questa tragedia insegni qualcosa, che si intervenga subito per migliorare la sicurezza. Va alzato il livello. Sono migliorate le monoposto e i sistemi, per esempio quello di ritenuta del collo. Adesso necessario intervenire sui tracciati, sui muretti, sulle protezioni.

Una tragica fine per il pilota inglese, il quale aveva vinto molto nella categoria Indy. Gli organizzatori dovrebbero porsi molte domande su queste corse, come ribadisce pure un altro pilota canadese, Alex Taglian, che paragona la sua categoria con la Nascar:

Il dramma di Dan Wheldon ci deve fare riflettere. La Indycar deve prendere esempio dalla Nascar. Le vetture stock car raggiungono, sugli ovali, medie di 290 km/h, mentre, sullo stesso tracciato, le nostre monoposto viaggiamo a 355 km/h. La maggiore velocit determina inevitabilmente molto pi pericolo. Le Nascar vanno pi piano ma riescono a dare ugualmente spettacolo, corrono ruota contro ruota, e non credo che il pubblico sulle tribune noti la differenza di una cinquantina di km/h in meno. Lelevata velocit non sinonimo di elevato spettacolo.

Infine lingegnere Gianpaolo Dallara, costruttore delle monoposto della Indycar, ha deciso di intitolare al pilota inglese la vettura per la stagione 2012.

 

Login





Menu utente

Arretrati

Collabora con noi!

Statistiche

 Statistiche gratis